+39 0733 433542
8 - 12 / 14 - 18
Contrada Montecavallo 9, 62014 Corridonia (MC)
iten
+39 0733 433542
8 - 12 / 14 - 18
Contrada Montecavallo 9, 62014 Corridonia (MC)
iten
Speciale The Plan DOWNLOAD

Prada Group unità produttiva Montegranaro

Prada Group unità produttiva Montegranaro

Un connubio riuscito tra moda e architettura, sostenuto da soluzioni tecniche d’avanguardia, dà vita ad un gioiello industriale in perfetta sintonia con la mission produttiva del committente. Un’articolata serie di setti e facciate vetrate mettono l’edificio in comunicazione visiva con l’ambiente esterno, aprendo suggestive “inquadrature sul panorama collinare circostante”.

Anno1997
CommittenteArtisan Shoes - Prada Spa
LuogoMontegranaro (FM)
ProgettoArch. Guido Canali
Arch. Mimma Caldarola

Arch. Guido Canali

Si è laureato al Politecnico di Milano, lavorando poi in Italia e in Europa.
Già docente universitario presso l’Università di Parma, presso lo IUAV di Venezia, e alla Facoltà di Architettura dell’Università di Ferrara. Gli incarichi professionali hanno riguardato principalmente il ripristino degli insiemi storico-urbano-architettonici e nell’organizzazione di allestimenti e complessi museali (si ricordano le mostre de Il Parmigianino e il manierismo europeoDuccio di Buoninsegna, alle origini della pittura senesi a Siena, Il Correggio a Parma, l’allestimento del Museo Storico Archeologico di Savona nella sede della fortezza Priamar). Studioso dell’architettura neoclassica parmigiana, ha sviluppando ricerche sulle città emiliane e sui possibili recuperi, documentati nella mostra “La Città Latente” allestita a Parma, nel Palazzo della Pilotta, nel 1995.

Asciutto, sintetico ed elegante,
il linguaggio che Canali ha istituzionalizzato nel suo consapevole uso della tecnologia
riflette una profonda riflessione sulla storicità della città italiana,
fuori da ogni moda o effimera convenzione stilistica.

Dettagli costruttivi e Tecnologici

L’unità produttiva di Prada, progettata da Guido Canali a Montegranaro nelle Marche, si erge dalla sommità di una collina, affacciandosi sulla vallata come una sorta di tempio del lavoro. Semplicità e minimalismo caratterizzano l’edificio; non vi è qui la volontà di stupire, ma quella di dare vita a un’architettura senza tempo.
Una serie di setti si elevano dal terreno, ora nascondendo ora mostrando il paesaggio circostante, con ampie facciate vetrate che donano luminosità agli interni. Il lusso si esprime nella rigogliosità del verde, che è presente nei giardini dello stabilimento come elemento in grado di migliorare il comfort degli ambienti, e come elemento naturale principe visibile dall’edificio. Le facciate vetrate sono state realizzate su disegno dell’architetto con il contributo di Promo; per la loro esatta definizione sono state realizzati dei mock-up in legno che hanno permesso di configurarne i profili, contraddistinti da una rastrematura e da un disegno minimale. Lungo il prospetto sono stati inseriti inoltre elementi estrusi, sempre su disegno, che delineano una serie di lame che vanno ad accentuare l’orizzontalità richiesta dal progetto. Tutti gli elementi contribuiscono a conferire coerenza e unitarietà allo stabilimento, che si differenzia dalle architetture dell’area circostante per la capacità di inserirsi discretamente nel paesaggio, integrandolo quanto più possibile al suo interno grazie a giochi di trasparenze e percorsi studiati per favorire punti di vista privilegiati verso la collina.

SISTEMI E TECNOLOGIE MESSI IN OPERA

■ Strutture portanti esterne e interne realizzate in carpenteria metallica

■ Struttura su connettivo realizzata in carpenteria metallica con copertura in vetro

■ Struttura interna con soppalco e passerella sul reparto modellistica realizzata in acciaio con pareti perimetrali vetrate e balaustre in vetro

■ Rivestimenti di facciata realizzati con profili in acciaio zincato tipo Talia

■ Facciate continue realizzate con profili in alluminio su disegno di Guido Canali. Particolare sistema di inserimento delle aperture sulla facciata per l’utilizzo di profili ridotti al minimo

■ Copertura vetrata su connettivo realizzata con profili di facciata in alluminio ancorati a struttura in acciaio

■ Lucernario in vetro su struttura in acciaio Portoni scorrevoli in alluminio con oblò vetrati su zona baie di carico

■ Pensilina su baie di carico realizzata con struttura di acciaio e copertura in pannelli sandwich in lamiera di alluminio e porzione in vetro

■ Scala interna in carpenteria metallica su connettivo, sospesa mediante tiranti in acciaio alla struttura portante in acciaio, con gradini e pianerottoli vetrati e pavimentazione in vetro realizzata con vasca inferiore per specchio d’acqua

■ Scale interne in acciaio con gradini rivestiti in linoleum con  parapetti in vetro e corrimano in acciaio

■ Scale esterne in acciaio con gradini e pianerottoli in grigliato Parapetti esterni realizzati con profili piatti in acciaio zincato e verniciato e vetro e parapetti tutto vetro ancorati inferiormente  mediante profili in acciaio

■ Balaustre esterne e interne realizzate in piatti di acciaio e  correnti orizzontali in acciaio a sezione circolare, il tutto zincato  e verniciato

■ Balaustre interne in vetro fissate inferiormente mediante profili in acciaio e profilo superiore corrimano in acciaio

■ Cancello pedonale realizzato in vetro. Cancello carrabile  scorrevole realizzato in acciaio

■ Partizioni interne su reparto modellistica realizzate in vetro